Seleziona una pagina

PROGETTI FOTOGRAFICI

La fotografia incanta e seduce nella sua immediatezza interpretativa e potermi esprimere anche in questa forma di racconto è per me una opportunità stimolante che sempre appaga la creatività del mio animo. Onorata di avere posato come modella per straordinari fotografi che hanno saputo, attraverso i loro scatti, trasmettere non solo il loro grande talento ma una lettura nuda e potente della mia vera essenza.

IL GIARDINO DI ANNA

di Paola Camiciottoli

Se un lavoro mi rappresenta: questo è “Il Giardino di Anna” un lavoro fotografico dedicato a chi, come me, ha vissuto una lunga malattia oncologica. Un progetto che porta in sé anche un messaggio in controtendenza agli stereotipi proposti dalla società che impone modelli di donna eternamente giovane e bella. Il progetto nasce dalla necessità di far scoprire quanto unico, attraente e prezioso sia anche un corpo maturo segnato dal tempo e dalla malattia, sia essa del corpo o dell’animo.

Da questa mostra fotografica è nato il photovideo omonimo selezionato al XXXIII° Festival Internazionale di Cinema e Donne nell’ambito della Rassegna de “I 50 giorni di Cinema Internazionale a Firenze”.

Un grazie speciale ad Anna

amica deliziosa,

donna forte,

modella coraggiosa!

Paola Camiciottoli

“Il corpo ferito di Anna, una vita dopo il cancro” di Roberto Incerti (La Repubblica di  Firenze, 2/11/11)
Intervista
di Cristina Bechi su italia 7 (19 /01/12)

Intervista
della critica cinematografica Elisangelica Ceccarelli (10/05/16)

LA GUARDIANA DELLE PIETRE

di Gianni Boradori e Cocco Conti

Un progetto, divenuto anche un videoracconto fotografico, realizzato dai fotografi Gianni Boradori e Cocco Conti, nato dall’esigenza di esprimere attraverso le immagini la contrapposizione tra il peso della materia e la leggerezza dell’anima.

Ho atteso che il tempo lastricasse di pietre il mio percorso e di macigni i miei tramonti, prima di comprendere la lievità del peso

Annamaria Buroni

DI VELI E DI MARMO

di Francesco Martinelli

Un set naturale dove l’imponenza del marmo modellato dal tempo e dall’uomo ha dato appuntamento ad un vento creativo che da solo ha guidato ogni mio movimento.

Ero qualcosa in questo mondo, intarsio inatteso nel bianco del marmo.

Annamaria Buroni

DIALOGHI

di Paola Camiciottoli

Performance di Teatro Danza con la danzatrice e coreografa Ivana Caffaratti.

Nella tua pelle leggo il mio passato incanto

Annamaria Buroni

DOPO

di Paola Camiciottoli

Potrei aprire la mia mano a ventaglio

coprire ogni lordura

e chiedermi: Dopo?

Annamaria Buroni

IL RIFUGIO DELLA FATA

di Paola Camiciottoli

Illuminata dalla rugiada
in un gioco di perle mi riconosco
e spalanco il mio scrigno al nulla

Annamaria Buroni

NELLO SPECCHIO DELLA LUNA

di Gianni Boradori e Cocco Conti

La Luna
nel suo specchio
nega ciò che vede

Annamaria Buroni

LA VOCE DELLA SELKIE

di Paola Camiciottoli

Dalla genesi delle onde
nasce il mio centro

Annamaria Buroni

IL VELO ROSSO

di Paola Camiciottoli

Il velo del desiderio si è posato sopra me
del suo colore, pulsione di vita
oggi ho bisogno

Annamaria Buroni

Teatro Danza

Nella danza ho percepito il ”pieno” dell’aria intorno a me e nel movimento che penetra questa densità coesiste l’espressività narrativa del corpo che racconta storie in continuo divenire, vibrando di una libertà tutta sua.
Nella parola espressa ho vissuto la potenza emotiva della recitazione che dal palco si connette in un muto dialogo con l’energia di un pubblico complice e attento.

Ringrazio tutti i fotografi che hanno saputo cogliere la mia essenza nel movimento danzato: Stefano Ridolfi Fotografia, Gianni Boradori, Giampiero Gori, Paola Camiciottoli, Corrado Cristalli, Fabio Menichetti, Luna La Chimia, Simona Fossi, Caterina Ciabatti, Alessio Desideri, Roberto Spinicci, Stefania Menichelli, Lorenzo Banchi, Fabio Bernardini, Darragh Hehir, Andrea Gianfortuna, Maria Grazia Lenzini, Alex Fibbi, Fabio Portera.

LA DANZATRICE DAL VENTAGLIO NERO

Uno spettacolo di teatro e danza nato da un testo di Filippo Papini per la regia di Daniele Bernabei. Ambientato nell’affascinante mondo dell’harem turco, un intreccio di amori e gelosie arricchito dalle danze di ispirazione mediorientale.

NOLI ME TANGERE

Un intenso  progetto di Teatro e Danza Contemporanea che mi vede unica voce recitante di una Maddalena potente divisa ed unita da corpo, mente ed anima, espressi attraverso la danza di tre grandi interpreti: Ivana Caffaratti, Gaia Scuderi, Nikka Derlipanska, per la regia e drammaturgia di Roberta Bongini.

Cinema

Per oltre trentacinque anni mi sono occupata di programmazione cinematografica e come addetta ai lavori ho saputo sempre scindere il mio lavoro, conservando quell’incanto ignaro di semplice spettatrice che gode la magia di questa macchina spettacolare in tutta la sua interezza, fino a cedere alla tentazione di entrare in quel “grande schermo” da protagonista, cimentandomi in interpretazioni e figurazioni di varie produzioni. Esperienze uniche ed emozionanti per cui ancora ringrazio chi mi ha scelto per questo dono.

Onorata di aver partecipato a varie produzioni cinematografiche di Haider Rashid, giovane e talentuoso regista di grande impegno sociale, nel suo film “Sta per Piovere”, nel cortometraggio “The Deep”, dove interpreto il drammatico ruolo di una madre irachena e  nel suo ultimo film “Europa”, di prossima uscita. Lavori che hanno ricevuto vari premi e riconoscimenti a Festival nazionali e internazionali.

STA PER PIOVERE

LA DONNA DEL SOGNO

Un corto scritto da Filippo Papini per la regia di Andrea Tani che narra la storia del conflitto fra una giovane degente psichiatrica interpretata da Ivana Caffaratti e una cinica dottoressa da me interpretata.

LA PROVA

Cortometraggio vincitore del “WorldBach fest” per la regia di Federica Pagliai, soggetto e sceneggiatura di Filippo Papini, proiettato nell’ambito della manifestazione al Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio a Firenze (9-10-11 Marzo 2012)

ATTIMI

Dalla collaborazione con il maestro Massimiliano Alloisio, musicista e compositore, nasce il video clip dedicato al suo brano “Attimi” per la regia di Massimiliano Boldrini.